Seguici sui social:
Hai perso la password?

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

FABBRICA FUTURO – Brescia 2022

venerdì, 8 Luglio 2022 - 9:00/ 17:00

€183.00

Biglietti

The numbers below include tickets for this event already in your cart. Clicking "Get Tickets" will allow you to edit any existing attendee information as well as change ticket quantities.
Biglietto - FABBRICA FUTURO - Brescia 2022
183.00 (iva escl.)
Illimitati

Dal Piano Industria 4.0 al Pnrr

L’industria manifatturiera ha nuove sfide davanti a sé.

Le potenzialità dell’innovazione tecnologica sono emerse in tutta la loro rilevanza e oggi, a distanza di 5 anni dal primo Piano Industria 4.0, sono molteplici le questioni che devono essere affrontate con urgenza per progettare il futuro delle fabbriche.

La tecnologia da sola non basta: l’innovazione tecnologica deve innestarsi all’interno di un progetto di innovazione organizzativa e di revisione dei processi. Il motore di questa transizione sono le persone che devono esprimere competenze sempre più qualificate, anche per gestire la transizione ecologica.

La caratteristica della nostra epoca è la velocità e la sfida dei prossimi mesi sarà governare accelerazione tecnologica, sostenibilità e aggiornamento delle competenze al fine di gestire i cambiamenti organizzativi e cogliere così appieno le opportunità del recovery plan italiano.

SCOPRI LE OPPORTUNITÁ DI SPONSORIZZAZIONE

Scopri qui il progetto ‘Fabbrica Futuro’

{tab Programma}

09.00 Apertura accredito partecipanti

09.30 Benvenuto e apertura lavori a cura di Chiara Lupi, direttrice editoriale – ESTE

09.35 Saluti di Giancarlo Turati, presidente – INNEXHUB

09.40 SCENARI INCERTI, PREPARIAMOCI A DOVERE
Stiamo vivendo tempi molto complessi: post-pandemia, inflazione, guerra, deglobalizzazione.
Le preoccupazioni, sia a livello personale che a livello d’impresa sono molto elevate e proprio perché la situazione è molto critica e dagli esiti incerti, è importante il modo in cui ci si presenta a questo difficilissimo momento e come si affrontano queste criticità, alcune delle quali nuove per tanti di noi.
Certamente la presenza nelle imprese di debolezze per-esistenti, da quelle di natura finanziaria a quelle organizzative, commerciali o produttive, non può che amplificare le negatività del momento e quindi l’imperativo dovrà essere quello di mettere mano al più presto alle proprie debolezze cercando di interpretare al meglio l’evoluzione della situazione nel suo complesso.
Stefano Zane, amministratore delegato – VITALE ZANE & CO 

10.00 PROCESSI EFFICIENTI E FABBRICHE DIGITALI: ISTRUZIONI PER L’USO!
La Trasformazione Digitale è un processo inesorabile. L’esperienza pandemica ha accelerato il processo, e le aziende che avevano già iniziato un percorso di digitalizzazione ne sono uscite avvantaggiate.
Le strategie logistico-produttive hanno assunto una nuova configurazione, riavvicinando la produzione e accorciando le filiere. La fabbrica del futuro è digitale e mette le persone al centro confermando la tendenza verso la digitalizzazione 5.0. Da dove iniziare per rendere più efficienti e robusti i processi dell’azienda?
Gianni Dal Pozzo, amministratore delegato – CONSIDI

10.25 INTRODURRE MANAGERIALITÀ NELLA FABBRICA DEL FUTURO
L’intervento ripercorre la storia dell’impresa Faccin, che ha da poco portato a termine un progetto di managerializzazione: il passaggio ‘dalla famiglia al management’ non si improvvisa e, al fine di portarlo a termine con successo, è necessario che tutte le risorse in azienda condividano un percorso di cambiamento. La sfida è mantenere il know how che si è costruito negli anni per garantire così la sostenibilità del progetto di business. Anche il percorso di digitalizzazione, che l’azienda ha iniziato a intraprendere con lungimiranza anni fa, consente ora di gestire situazioni critiche: la remotizzazione di alcune attività, che si è rivelata vitale durante la pandemia, rappresenta un tassello di una più ampia visione legata alla progettazione di un modello di business. L’obiettivo? Consentire all’azienda di gestire con minori traumi le sempre maggiori imprevedibilità.
Andrea Ceretti, CEO – FACCIN GROUP

10.50 COSTRUIRE IL FUTURO PARTENDO DALLA RESPONSABILITÀ, SOCIALE E SOCIETARIA
Il futuro di un’azienda si costruisce partendo dalla responsabilità dell’imprenditore, dalla sua visione di leadership che deve essere condivisa e da una gestione del passaggio generazionale meritocratico e non dinastico. L’intervento ripercorrerà la storia di IMG, azienda fondata nel 2006 dalla volontà di dipendenti di mantenere in vita un’azienda strategica per l’economia del territorio. Un percorso virtuoso fatto di progettualità condivisa, ricerca di innovazione e attenzione alla crescita sostenibile.
Barbara Ulcelli
, presidente – IMG MACCHINE

11.15 Pausa caffè

11.45 ARRICCHIRE LA CULTURA AZIENDALE CON LA MODERNITÀ: LA SFIDA, VINTA, DI POLTI
Azienda famigliare, nata nel 1978 da un’intuizione di Franco Polti, ha saputo investire in modo lungimirante in innovazione per attraversare i momenti di crisi. La pandemia ha rappresentato un’occasione di rilancio per l’azienda ma la cultura aziendale aveva già convintamente investito in forme di partecipazione, nuovi modelli manageriali e innovazione tecnologica. Oggi Polti è una realtà che ha gestito il passaggio generazionale e grazie a progetti di sostenibilità, politiche di gestione del personale e modelli di leadership basati su ascolto, trasparenza e condivisione sta gettando solide basi per il futuro.
Francesca Polti, direttrice generale – POLTI GROUP

12.10 EMPLOYEE BENEFIT, DIGITALIZZAZIONE E SOSTENIBILITÀ: LE LEVE STRATEGICHE PER AZIENDE INNOVATIVE
Le aziende di oggi si trovano di fronte a un nuovo scenario sempre più dinamico dove employee benefit, digitalizzazione e sostenibilità giocano un ruolo fondamentale. È importante, quindi, comprendere le reali necessità delle aziende e dei dipendenti offrendo soluzioni sempre più mirate, flessibili e digitali capaci di generare crescita e valore sostenibile.
Saverio Latte, regional manager – EDENRED ITALIA 

12.35 IL PERCORSO DI MIGLIORAMENTO DI NUNCAS: LA FABBRICA CONNESSA CHE VALORIZZA IL LAVORO DELL’UOMO
Ha compiuto un secolo di vita l’azienda conosciuta al grande pubblico per i suoi prodotti dedicati alla cura dei tessuti e della casa.
Dietro al successo del brand c’è una visione imprenditoriale che ha saputo accompagnare l’azienda in un percorso di trasformazione tecnologica dove l’innovazione digitale valorizza il lavoro umano. Una costante evoluzione che consente oggi a Nuncas di gestire la produzione sfruttando i vantaggi della digitalizzazione e di traguardare gli obiettivi di sostenibilità.
Luca Manzoni, presidente e amministratore delegato – NUNCAS 

13.00 LA DIGITALIZZAZIONE IN BELLINI LUBRIFICANTI: DALLA SVOLTA GREEN AL SUPERAMENTO DELLE GERARCHIE
Una storia che nasce nel 1943 e che si sviluppa nel corso dei decenni fino ai giorni nostri. Oggi l’azienda sta cogliendo tutte le opportunità della transizione ecologica e, grazie alle tecnologie digitali, è riuscita a creare un modello gestionale che ha permesso il superamento delle gerarchie e la creazione in azienda di un modello organizzativo teso a supportare gli obiettivi di crescita.
Marco Bellini, presidente – BELLINI LUBRIFICANTI

13.25 Pausa pranzo

 

SESSIONE DIGITALIZZAZIONE E INNOVAZIONE TECNOLOGICA
Modera Chiara Lupi, direttrice editoriale – ESTE 

14.30 SERVITIZZAZIONE E DIGITALIZZAZIONE: BENEFICI E SFIDE DELLA TRANSIZIONE
Avvenuta tramite la creazione di servizi da offrire in aggiunta ai prodotti in modo da creare relazioni a lungo termine con i clienti, in un fenomeno che è conosciuto come “servitizzazione”. In seguito alla trasformazione digitale frutto della diffusione dell’Industria 4.0, sempre più aziende stanno cercando di capire come l’introduzione di nuove tecnologie e la digitalizzazione dei processi può contribuire alla definizione di un’offerta di servizi competitiva in grado di “fidelizzare” i clienti. Per fare ciò, è necessario discutere dei benefici che servitizzazione e digitalizzazione possono portare alle aziende ma anche analizzare quali sono le principali sfide che vanno affrontate per prepararsi all’offerta di tali servizi.
Roberto Sala
, Post-Doc presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell’Informazione e della Produzione – UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BERGAMO, membro del gruppo di ricerca CELS

14.55 DA 0 A 100 IN 4 STEP! DALLA FACTORY TRADIZIONALE A QUELLA DIGITALE, SEGUENDO L’APPROCCIO CONSIDI
Gli step di trasformazione aziendale dell’approccio Considi verranno declinati in dettaglio, mostrando parti di metodologia e casi applicativi reali. In particolare si vedranno: Smart Digital Assessment per determinare il livello di digitalizzazione attuale della factory; Analisi dei processi: un esempio di AS-IS e la progettazione del TO-BE; Elementi di implementazione fisica: linee e postazioni di lavoro efficienti (ed ergonomiche) by Ergoal; Elementi di integrazione digitale: il sistema ProNet, e la fabbrica a portata di clic.
Enrico Barbato, senior consultant – CONSIDI

15.20 LA DIGITALIZZAZIONE DEI FORNI DI FORGIA: IL CASO FOMAS S.P.A.
FOMAS S.p.A., casa madre del Gruppo FOMAS, opera da più di sessant’anni nella produzione di forgiati a stampo libero. Accanto a questa produzione, il Gruppo, che comprende 8 stabilimenti nel mondo, produce anelli laminati senza saldature e polveri metalliche destinati ai mercati del Power Generation, dell’Oil & Gas, dell’Industry e dell’Aerospace & Defense.
Lo stabilimento produttivo di Osnago (LC) è stato selezionato come plant pilota per lo sviluppo del progetto di digitalizzazione della fabbrica. Una delle sfide più ambiziose del progetto è riuscire ad elaborare, analizzare e archiviare dati raccolti da più di quaranta forni (di forgia e trattamento termico) costruiti in epoche diverse e realizzati con molteplici tecnologie costruttive.
Manutenzione predittiva, diminuzione dei consumi, aumento dell’efficienza, possibilità di lavoro da remoto, diminuzione dei costi di non-qualità, tracciabilità dei dati, sono alcuni dei traguardi che FOMAS si è prefissata di raggiungere.
Ad oggi l’implementazione tecnologica, ottenuta tramite modifiche impiantistiche hardware e software, e attualmente in fase avanzata, ha già permesso di osservare ricadute positive.
Giangiacomo Ghidoni, responsible of process & plant technology – FOMAS GROUP

15.45 DAL BUONO PASTO ALLE PIATTAFORME DI WELFARE AZIENDALE: SOLUZIONI DIGITALI PER L’IMPRESA MANIFATTURIERA DEL FUTURO
Fidelizzare e incentivare le risorse umane è oggi più che mai una priorità per le aziende. Scegliere di adottare soluzioni di employee benefit digitali e personalizzate permette di incrementare il potere d’acquisto, la qualità della vita e la soddisfazione dei dipendenti, migliorando al contempo il clima aziendale, con ricadute positive sulla produttività.
Marco Galizioli, account manager – direzione commerciale customer – EDENRED ITALIA

16.10 COTONIFICIO ZAMBAITI: UNA STORIA DI INNOVAZIONE CHE HA PIÙ DI CINQUANT’ANNI
Ieri oggi e domani, in un mondo che non si ferma mai il Cotonifico è alla costante ricerca, oltre che della performance produttiva, della sostenibilità ecologica e della qualità del lavoro. Una storia industriale lunga oltre mezzo secolo segnata da una costante tensione all’innovazione tecnologica e da una altrettanta attenzione allo sviluppo umano.
Luca Anesa, general manager – COTONIFICIO ZAMBAITI

16.35 INNOVAZIONE NEL MONDO ANTICADUTA: LA LINEA VITA CHE “PARLA”
In uno scenario che cambia continuamente, profondamente e in modo sempre più veloce perché innovare?
Quali sono i vantaggi? Quali sono le implicazioni? Come andare oltre al “buon prodotto”?
Focus dell’intervento sarà concentrato sulla digitalizzazione delle linee vita, da un prodotto a servizio: controllo degli accessi, manutenzione predittiva, controllo da remoto, geolocalizzazione e allarme integrato.
Andrea Bolpagni, direttore commerciale – SOMAIN 

17.00 Conclusioni e chiusura lavori

 

SESSIONE FORMAZIONE E RECLUTAMENTO DEL PERSONALE
Modera Giovanna Campopiano, professoressa associata presso il dipartimento di ingegneria gestionale, dell’informazione e della produzione, delegata del rettore all’orientamento in uscita, tirocini e placement – UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BERGAMO

14.30 L’UNIVERSITÀ E L’APPRODO NEL MONDO DEL LAVORO
La formazione universitaria permette di specializzarsi in un determinato campo e acquisire skills e capacità che consentano ai laureati di affrontare le sfide del mondo del lavoro, apportando competenza e innovazione nelle realtà in cui vanno a contribuire. L’università si trova all’ultimo stadio del lungo percorso che accompagna gli studenti a diventare professionisti e si interroga su come rinnovarsi per formare figure professionali necessarie a raccogliere le sfide che il cambiamento impone.
Giovanna Campopiano
, professoressa associata presso il dipartimento di ingegneria gestionale, dell’informazione e della produzione, delegata del rettore all’orientamento in uscita, tirocini e placement – UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BERGAMO

14.55 DALLA SELEZIONE ALL’“AGORÀ”: L’EVOLUZIONE DELL’HR
I tradizionali processi di selezione, formazione e sviluppo delle Risorse Umane oggi devono essere rivisti in un’ottica generativa e trasformativa, al fine di coniugare le necessità aziendali con le aspettative delle persone e del mercato del lavoro. Il ruolo di HR deve, quindi, integrare la consolidata funzione di servizio nella più inclusiva visione di sistema, per collaborare al futuro delle imprese, puntando sulle competenze piuttosto che sulle mansioni, sulla cultura dell’appartenenza e sull’attenzione alla sostenibilità e al benessere.
Simona Raimondi
, human resources director – GUNA

15.20 LA FORMAZIONE INTERNA COME LEVA STRATEGICA DELLA TALENT ATTRACTION & RETENTION. IL CASO AGRATI UNIVERSITY
Come una Academy aziendale può diventare nel corso degli anni un asset strategico aziendale di sviluppo delle persone, del business, della brand image e reputation.
Agrati University nasce nel 2007 come percorso di formazione interno intensive per nuovi operatori di produzione, gestito da personale interno specializzato. Nel corso degli anni diventa un learning center con un catalogo formativo di 50 corsi erogati da dipendenti del gruppo Agrati, nelle sedi italiane ed estere. Gli stessi corsi vengono proposti e tenuti presso scuole superiori ed Università, così come presso le sedi dei clienti principali come workshop tecnici. L’Academy diventa così un concept a 360 gradi che si delinea su più target ed obiettivi, nell’ottica della crescita e del miglioramento continuo dell’azienda, come punto di eccellenza riconosciuto esternamente e internamente.
Raffaella Vaccari, talent, people development & employer branding manager – AGRATI

15.45 CREARE VALORE ATTRAVERSO FORMAZIONE E PROMOZIONE DELLA CULTURA AZIENDALE: IL CASO BONDIOLI&PAVESI
Formazione, attività di onboarding volte alla diffusione della cultura aziendale, contatto con Scuole e Università, sono linee guida che l’HR persegue al fine di creare valore per la propria azienda.
Fin dai primi anni, il Cav. Edi Bondioli, fondatore dell’Azienda, assumeva giovani apprendisti e finanziava i corsi per formarLi in materie meccaniche presso il centro di formazione del Paese. Questa attenzione si è rafforzata nel tempo a partire dalla convinzione che si tratti della leva chiave per migliorare i prodotti e i processi. Per questo è nata una Academy interna: la Bondioli & Pavesi Academy. La lunga storia dell’azienda, arrivata oggi a 72 anni, e i valori che la caratterizzano, sono parte del suo DNA. È per questo che l’HR ha intrapreso iniziative volte a diffonderli e comunicarli sia in fase di onboarding sia nei confronti di collaboratori già insediati, anche attraverso i canali social.
Eleonora Bondioli, hr manager – BONDIOLI&PAVESI

16.10 Sessione domande e risposte

16.35 Conclusioni e chiusura lavori

 

SESSIONE SOSTENIBILITA’ E ENERGY MANAGEMENT
Modera Dario Colombo, caporedattore – ESTE 

14.30 COSTRUIRE UN SISTEMA CIRCOLARE ABILITATO DALLE TECNOLOGIE EMERGENTI
Il termine economia circolare si sta diffondendo sempre di più, ma solo recentemente si è compresa la necessità di sfruttare la digitalizzazione, che permane la nostra società, come motore per procedere verso una twin transition, includendo quindi in modo armonioso circolarità e digitalizzazione nel mondo manifatturiero. Vedremo, quindi, come le diverse strategie circolari possano sfruttare i dati per stimolare, tra le altre cose, lo scambio di informazioni necessarie per creare prodotti, processi, aziende e filiere circolari.
Federica Acerbi, postdoctoral researcher – POLITECNICO DI MILANO – SCHOOL OF MANAGEMENT MANUFACTURING GROUP

14.55 SOSTENIBILITÀ NELLA FILIERA DELL’ACETATO
Mazzucchelli 1849 è leader mondiale nella produzione, lavorazione e distribuzione di diversi materiali polimerici come acetato di cellulosa e propionato di cellulosa, tradizionalmente utilizzati per la produzione di montature per occhiali.
L’attuale momento storico impone, in particolare a società leader di settore, un impegno a collaborare affinché ci sia una crescente consapevolezza ambientale. Ed è per questo che Mazzucchelli 1849 ha accettato di partecipare, insieme al suo principale cliente, ad un progetto innovativo.
L’operazione apre la strada a un’importante collaborazione per accelerare lo sviluppo di un processo industriale innovativo finalizzato alla produzione di “acetato sostenibile” – in termini di prodotto e di processo – negli stabilimenti di Mazzucchelli.
Giovanni Cassataro, group hr director – MAZZUCCHELLI 1849

15.20 SOSTENIBILITA’ DI IMG MACCHINE: UNA SCELTA CONSAPEVOLE
L’intervento approfondirà come IMG ha intrapreso il percorso verso uno sviluppo sostenibile dei propri processi e dei prodotti. Si entrerà nel dettaglio dei progetti Fotovoltaico e ISO14001 e dell’esperienza fatta in ambito Carbon footprint che ha portato alla certificazione ISO 14067:2018 di prodotto. Infine, verrà esposto il nuovo progetto REM e l’assessment al sistema EPD International (dichiarazione ambientale di prodotto).
Fabrizio Bonfadini, direttore delle operations – IMG MACCHINE

15.45 LA SOSTENIBILITA’ PER LA BELLINI
Lo sforzo da fare è spostare l’attenzione dal “prodotto” alle “persone” che lo producono, dall’”oggetto creato” al suo “creatore”, e il gioco è fatto: un ambiente sereno, la consapevolezza di essere parte di un ingranaggio nel quale ognuno deve fare la sua parte perché il meccanismo non si inceppi. Il sentirsi squadra non è qualcosa che si insegna: la partecipazione è un modo di accogliere le attività che vengono assegnate senza mai esserne gelosi ma con uno spirito di condivisione, come obiettivo di gruppo e non solo personale. In Bellini ognuno è protagonista del proprio ruolo e si coordina con i colleghi nell’ottica di una condivisa crescita professionale. La Bellini, nell’ambito del WHP, Progetto promosso da ATS BG al quale ha aderito già nel lontano 2011, punta al benessere dei suoi dipendenti nell’ambiente di lavoro e promuove attività volte a perseguire uno stile di vita sano, dentro e fuori l’azienda. Anche le sfide della nostra Ricerca e Sviluppo, vincendo il finanziamento legato al bando SME HORIZON 2020, si sono così concentrate sullo sviluppo delle nuove linee di prodotti bio, proprio per il loro ridotto impatto sugli operatori che li producono, su coloro che li utilizzano e sull’ambiente che ci ospita. Con queste premesse Bellini è approdata al bilancio di sostenibiulità.
Romina Adobati, assistente responsabile sistema gestione della qualità, sistema di gestione ambiente e sicurezza – BELLINI LUBRIFICANTI

16.10 VIGNONI: DA FABBRICA A ECO-FACTORY. ECCO DA DOVE COMINCIAMO!
L’azienda fondata nel 1957 dalla famiglia Vignoni ha intrapreso un convinto percorso verso la sostenibilità. La transizione verso l’Eco-Factory si è basata su alcuni step: verticalizzazione della produzione, riduzione di emissioni, impianti di trigenerazione, processi di risparmio energetico in fase di tessitura e di risparmio di acqua in fase di tintoria. L’attenzione al risparmio energetico in fase di tessitura è stata quantificata: -35% di consumo di energia e -20% di consumo di gas. Numeri importanti, che stanno dando un impulso positivo alla crescita del business.
Carlo Madella
, H&S manager – VMC VIGNONI

16.35 L’INNOVAZIONE È IL FUTURO: L’INDUSTRIALIZZAZIONE EDILIZIA COME CHIAVE DEL SUCCESSO
Negli ultimi anni il settore dell’edilizia è in rapida e costante evoluzione.
Stiamo assistendo alla diffusione di un nuovo approccio al mondo delle costruzioni, maggiormente attento al tema della sostenibilità che, secondo Wood Beton, deve risiedere nel raggiungimento di un equilibrio ottimale tra il soddisfacimento di requisiti ambientali, sociali ed economici.
Tali questi requisiti sono oggi conseguibili attraverso un nuovo modo di costruire, ovvero con un’edilizia industrializzata, dove prefabbricazione, modularità e processi off-site la fanno da padrone. Da questo punto di vista, Wood Beton Spa è una realtà consolidata: un’azienda che da anni anticipa le esigenze del mercato, con grande innovazione e capacità ingegneristica, proponendo tecnologie costruttive industrializzate, uniche a livello nazionale ed internazionale.
Francesco Lottici
, plant manager – WOOD BETON

17.00 Conclusioni e chiusura lavori

 

{/tab}

{tab Relatori}

Federica Acerbi, postdoctoral researcher – POLITECNICO DI MILANO – SCHOOL OF MANAGEMENT MANUFACTURING GROUP

Romina Adobati, assistente responsabile sistema gestione della qualità, sistema di gestione ambiente e sicurezza – BELLINI LUBRIFICANTI

Luca Anesa, general manager – COTONIFICIO ZAMBAITI

Enrico Barbato, senior consultant – CONSIDI

Marco Bellini, presidente – BELLINI LUBRIFICANTI

Andrea Bolpagni, direttore commerciale – SOMAIN 

Fabrizio Bonfadini, direttore delle operations – IMG MACCHINE

Eleonora Bondioli, hr manager – BONDIOLI&PAVESI

Giovanna Campopiano, professoressa associata presso il dipartimento di ingegneria gestionale, dell’informazione e della produzione, delegata del rettore all’orientamento in uscita, tirocini e placement – UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BERGAMO

Giovanni Cassataro, group hr director – MAZZUCCHELLI 1849

Andrea Ceretti, CEO – FACCIN GROUP

Gianni Dal Pozzo, amministratore delegato – CONSIDI

Marco Galizioli, account manager – direzione commerciale customer – EDENRED ITALIA

Giangiacomo Ghidoni, responsible of process & plant technology – FOMAS GROUP

Saverio Latte, regional manager – EDENRED ITALIA

Francesco Lottici, plant manager – WOOD BETON

Carlo Madella, HSE manager – VMC VIGNONI

Luca Manzoni, presidente e amministratore delegato – NUNCAS 

Francesca Polti, direttrice generale – POLTI GROUP

Simona Raimondi, human resources director – GUNA

Roberto Sala, Post-Doc presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell’Informazione e della Produzione –  UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI BERGAMO, membro del gruppo di ricerca CELS

Barbara Ulcelli, presidente – IMG MACCHINE

Raffaella Vaccari, talent, people development & employer branding manager – AGRATI

Stefano Zane, amministratore delegato – VITALE ZANE & CO

{/tab}

{tab Le testimonianze aziendali}

AGRATI inizia la sua storia nel lontano 1939 come piccola azienda manifatturiera con 20 dipendenti, una struttura semplice e un volume di produzione relativamente basso.
Oggi Agrati Group è una multinazionale leader in sistemi e componenti di fissaggio con 12 siti produttivi e 5 centri logistici. Un segno distintivo del successo di Agrati è quello di garantire un servizio completo in termini di produzione e distribuzione (full supply chain) attraverso una corretta pianificazione, preparazione degli ordini, spedizione e un buon rifornimento scorte.
Settore: produzione di soluzioni di fissaggio
Fatturato:
516 Milioni €
Numero dipendenti:
662

 

BELLINI LUBRIFICANTI si occupa di produzione e commercializzazione di lubrificanti e fluidi per l’industria. L’avventura imprenditoriale inizia nel 1943 con la nascita di Alfa Petroli, azienda di rappresentanza di benzine e gasoli per autotrazione, riscaldamento e illuminazione. Negli Anni ’70 il capostipite e fondatore della Alfa Petroli Carlo Bellini vende i distributori a una grande compagnia petrolifera americana con l’obiettivo di creare una propria rete di distribuzione sul territorio italiano. Una svolta fondamentale che vede il figlio Alberto proiettato in una nuova realtà lavorativa e a capo di una società, la Petroli Bellini, fondata appositamente per la produzione e commercializzazione di oli lubrificanti. Dagli Anni ’70 al 2000 la crescita è graduale, costellata di piccoli e grandi successi, di riconoscimenti da parte della clientela di nuova acquisizione e di quella che si era andata fidelizzando, mantenuta con costanza, competenza e grazie sempre a quella chiave distintiva chiamata consulenza.
Negli anni 2000, a seguito di un costante e continuo sviluppo, l’importante investimento per la realizzazione di una nuova sede a Zanica (BG).
Settore: fabbricazione di prodotti chimici
Fatturato:
24 Milioni €
Numero dipendenti:
44

 

BONDIOLI & PAVESI nasce a Suzzara (MN) nel 1950 e da allora opera nel settore della componentistica meccanica. Nel corso degli anni amplia l’offerta di prodotti all’area oleodinamica ed elettronica, arrivando così a sviluppare un sistema di trasmissione completo. Oggi il Gruppo opera in più di 50 paesi esportando oltre l’80% del proprio fatturato (41% extra UE). Il successo di questa continua crescita è da attribuire una costante politica di ricerca, di attenzione ai processi produttivi e nella disponibilità allo sviluppo di progetti, in gran parte realizzati in collaborazione con gli stessi costruttori di macchinario. 1.900 ca sono attualmente i collaboratori in tutto il Mondo: un grande Gruppo in cui lo sviluppo delle persone e la crescita professionale ed umana è parte fondamentale della propria cultura aziendale.
Settore: produzione di componenti meccaniche per il settore agricolo
Fatturato:
132 Milioni €
Numero dipendenti:
537

 

COTONIFICIO ZAMBAITI è un’azienda italiana con sede a Cene (provincia di Bergamo). Opera dal 1967 nel settore tessile, produce biancheria per la casa, dai completi letto, alle trapunte, fino ai servizi tavola che propone al mercato attraverso diversi brand. Da sempre difensore e promotore del made in Italy non solo come creatività, ma anche come produzione. La filosofia aziendale del Cotonificio Zambaiti incentra la propria mission sulla ricerca della qualità dei prodotti realizzati, utilizzando fibre naturali e coloranti non tossici e certificati, oltre a imbottiture ecosostenibili da PET riciclato, accompagnata da creatività stilistica ed innovazione progettuale.
Settore: produzione di biancheria per la casa
Fatturato:
21,5 Milioni €
Numero dipendenti:
70

 

FACCIN GROUP, leader mondiale nella produzione di macchine di formatura della lamiera, commercializza tre grandi marchi, Faccin, Roundo e Boldrini, offrendo la più ampia gamma di calandre, curvaprofili, linee per fondi bombati e macchine speciali. La gamma di prodotti spazia da macchine compatte a macchine di taglia grande, da modelli standard a modelli realizzati su misura per le esigenze del cliente, tutti con una caratteristica comune: prestazioni elevate garantite nel tempo. Con oltre 200 anni di esperienza combinata e con all’attivo oltre 30.000 macchine installate a livello globale, il Gruppo è in grado di presentare ai suoi clienti un portfolio di prodotti di marchi leader di settore.
Settore: produzione di macchinari industriali
Fatturato:
34 Milioni €
Numero dipendenti:
96

 

 

FOMAS GROUP (Forgiatura Moderna Acciai Speciali con sede a Osnago – Lecco – Italia) è stata fondata nel 1956 dal Professor Gastone Guzzoni. L’azienda produce forgiati e anelli laminati senza saldatura in qualsiasi tipo di acciaio e leghe non ferrose. Oggi la terza generazione mantiene la visione del suo fondatore mantenendo il Gruppo all’avanguardia nell’innovazione. Tra i pilastri dello sviluppo industriale di Fomas gli imprescindibili investimenti in ricerca, i moderni impianti produttivi, i sofisticati sistemi di monitoraggio e un’attenzione particolare per le persone e l’ambiente.
Settore: produzione di forgiati e anelli laminati
Fatturato:
195 Milioni €
Numero dipendenti: 1405

 

GUNA è stata fondata a Milano nel 1983 dai coniugi Adriana e Alessandro Pizzoccaro, accomunati da una visione della salute e della malattia che vede al centro l’Uomo nella sua globalità di corpo, mente e spirito. Dal progetto di sviluppare e produrre medicinali innovativi, sicuri, efficaci e senza effetti collaterali, è stata creata un’azienda che oggi impiega 300 persone ed esporta in 40 Paesi in 4 continenti.
L’attività principale di Guna è la produzione di farmaci biotech low dose di origine naturale, rispettosi della fisiologia umana e con ridotti effetti iatrogeni; l’azienda è particolarmente attiva
anche nel campo dei Dispositivi Medici, della Nutraceutica e della Dermocosmeceutica.
Il meta-obiettivo dell’azienda è quello di contribuire alla diffusione di una Medicina che ponga al centro la Persona e sia in armonia con la Natura, operando nel pieno rispetto di valori etici quali la correttezza, la trasparenza e la lealtà nei confronti di tutti gli interlocutori, dal fornitore al cliente finale.
Settore: fabbricazione di prodotti farmaceutici
Fatturato: 54 Milioni €
Numero dipendenti:
300

 

IMG MACCHINE è leader nel settore delle presse per stampaggio ad iniezione della gomma. La lunga esperienza e la forte attività di ricerca e sviluppo che contraddistinguono IMG permettono di proporre soluzioni operative che coprono l’intero settore dello stampaggio di elastomeri e delle materie plastiche. Prodotti concepiti e sviluppati per offrire elevate performance produttive e dotati di peculiarità che li rendono esclusivi e innovativi.
Settore: produzione di macchinari industriali
Fatturato:
34 Milioni €
Numero dipendenti:
60

 

MAZZUCCHELLI 1849, azienda italiana con sede a Castiglione Olona (VA), è leader mondiale nella produzione e distribuzione di lastre in acetato di cellulosa, polimero di origine naturale, tradizionalmente usato per la produzione di montature di occhiali. I prodotti Mazzucchelli 1849 si rivolgono ai mercati che vanno dall’occhialeria all’accessorio moda, dall’interior decoration all’oggettistica di design. Le qualità tecniche vengono invece apprezzate nei settori della sicurezza, dello sport, dell’automotive. L’innovazione ha costantemente portato progresso ed efficienza nei processi e nei sistemi di lavorazione, promuovendo così il prezioso contributo delle maestranze artigianali altamente specializzate e facendo di Mazzucchelli 1849 una prestigiosa messaggera del Made in Italy e un punto di riferimento per tutto il settore dell’occhialeria.
Settore: fabbricazione di materie plastiche
Fatturato:
80 Milioni €
Numero dipendenti:
470

 

NUNCAS nasce a Milano nel 1920 da un’idea imprenditoriale del suo fondatore, Nunzio Cassata. È proprio dall’acronimo del nome e cognome del capostipite che deriva il nome dell’azienda. In oltre 100 anni di storia Nuncas si è evoluta fino a diventare marchio di eccellenza e oggi brand di riferimento per gli amanti dell’housekeeping.
Sin dalle sue origini Nuncas opera nell’area dei prodotti per la cura della casa, dei tessuti, delle superfici e degli ambienti, concepiti come veri e propri trattamenti di bellezza, sotto la guida, nel tempo, di quattro generazioni della stessa famiglia.
Con 80 dipendenti tra Italia e Estero, un canale proprietario E-commerce, una boutique nel cuore di Milano, Nuncas è attiva in Italia e in Europa, sotto la guida nel tempo della stessa famiglia, da sempre gode di un posizionamento distintivo che la colloca in qualità di leader nel suo segmento.
Settore: cura della casa
Fatturato: circa 30 Milioni €
Numero dipendenti: circa 80 tra Italia e Estero

 

POLTI è un’azienda italiana leader nelle applicazioni del vapore, sia per quanto riguarda la cura dei tessuti che per la pulizia in ambito domestico e professionale. Grazie a prodotti innovativi e 200 brevetti, dal 1978 ha cambiato le abitudini dei consumatori in oltre 50 Paesi, proponendo un approccio all’igiene contemporaneo e sostenibile attraverso l’utilizzo del vapore, con i suoi comprovati effetti pulenti potenti e naturali.
La sede si trova nel comune di Bulgarograsso, vicino a Como.
Settore: produzione di piccoli elettrodomestici
Fatturato: 80 Milioni €
Numero dipendenti:
230

 

SOMAIN è cura e protezione di chi lavora, questo è il filo conduttore presente in ogni progetto che l’azienda, con sede a Brembate di Sopra (BG), intraprende. Un filo conduttore che lega non solo i reparti e le persone che fanno parte del mondo Somain ma un concetto che l’impresa cerca di divulgare anche ai propri fornitori, siano essi di materie prime o di servizi. Somain non vende un prodotto finito ma soluzioni, risposte che unitamente poi vanno a formare un vero e proprio Sistema contro le cadute dall’alto. Oggi parlare di sicurezza, e soprattutto di sicurezza nei lavori in quota ed in ambienti confinati o sospetti d’inquinamento, significa realizzare, progettare e produrre dei sistemi che possano salvare la vita di chi va ad utilizzarli.
Settore: produzione di sistemi e soluzioni per la sicurezza sul lavoro
Fatturato: 10 Milioni €
Numero dipendenti:
61

 

VMC VIGNONI viene fondata nel 1957 della famiglia Vignoni, che arrivata oggi alla seconda generazione, ne detiene interamente la proprietà. L’azienda può contare su tre insediamenti produttivi: due in Italia (nel goffredese, il distretto della calza più conosciuto al mondo, dove la calzetteria è nata e si è sviluppata) ed uno all’estero, occupando una superficie complessiva di 40.000 mq. e dando lavoro a oltre 500 addetti. Il ciclo di lavorazione, completamente verticalizzato, garantisce un controllo costante ed efficace di ogni singola fase della produzione: dall’ufficio Style and design per la ricerca e sviluppo, alla tessitura che si avvale di un parco macchine di 410 unità ed una capacità produttiva giornaliera fino a 200.000 paia, al reparto cucitura, alla tintoria e alla confezione.
Grazie a tecnologie produttive all’avanguardia, risorse umane altamente specializzate e un’estrema versatilità dei processi produttivi è possibile realizzare ogni giorno la mission aziendale di VMC, che si traduce in: qualità, servizio, esperienza e tecnologia.
Settore: produzione di calze
Fatturato: 21 Milioni €
Numero dipendenti:
65

 

WOOD BETON nasce nel 1989 e negli anni si afferma sul mercato sia nell’ambito residenziale che in quello delle grandi strutture. La volontà di superarsi continuamente, per offrire al mercato standard sempre più evoluti, si è tradotta nella realizzazione di sistemi certificati che hanno cambiato il modo di costruire: sistemi industrializzati in grado di garantire una maggiore qualità del prodotto, che permettono di realizzare strutture in assoluta sicurezza, con una notevole riduzione dei tempi di montaggio e con un conseguente vantaggio economico.
Oggi Wood Beton è ormai una realtà consolidata: un’azienda che da anni anticipa le esigenze del mercato, con grande innovazione e capacità ingegneristica, proponendo tecnologie costruttive industrializzate nel settore residenziale, commerciale e terziario, uniche nel panorama nazionale ed internazionale.
Settore: produzione di strutture e sistemi costruttivi industrializzati
Fatturato: 23 Milioni €
Numero dipendenti:
60

{/tab}

{tab Format}

Il Convegno si tiene in presenza. Non è prevista la trasmissione online.

Il Convegno prevede una SESSIONE PLENARIA dedicata a ‘Scenari e trend del manifatturiero italiano‘ cui seguono SESSIONI PARALLELE dedicate a:

  • digitalizzazione e innovazione tecnologica
  • formazione e reclutamento del personale
  • sostenibilità e energy management

Il Convegno si svolgerà nel rispetto delle norme sanitarie anti-Covid 19.

{/tab}

{tab Iscrizione}

Target di riferimento:

Imprenditori e direzione generale, Responsabili delle direzioni tecniche (produzione, operations, logistica, ricerca e sviluppo, IT) e Responsabili Organizzazione e HR di aziende operanti nel settore manifatturiero e nel territorio di riferimento.

L’accesso al convegno prevede il pagamento di una quota di 150€ + iva e include i servizi di ristoro.
I posti disponibili sono limitati. È garantito il rimborso della quota di iscrizione a coloro che dovessero disdire la propria partecipazione (tramite comunicazione scritta inviata a martina.galbiati@este.it) entro lunedì 4 luglio.

Modalità di pagamento:

Si accettano pagamenti tramite paypal/carta di credito. I pagamenti tramite bonifico sono accettati solo nel caso di iscrizioni multiple in cui la somma da versare sia superiore ai 700 euro+iva. Il pagamento deve arrivare entro il giorno prima del Convegno.
Per effettuare iscrizioni multiple e pagare con bonifico richiedi il modulo di iscrizione in pdf a martina.galbiati@este.it.

L’accesso è gratuito per gli imprenditori e i manager di aziende manifatturiere selezionati e invitati dalla rivista Sistemi&Impresa.
L’accesso è gratuito anche per gli ospiti delle aziende Partner, Sponsor ed Espositori.
La segreteria organizzativa si riserva la facoltà di convalidare le iscrizioni ricevute.


Per qualsiasi informazione contattare:

Martina Galbiati – Responsabile Eventi e Marketing – martina.galbiati@este.it – Tel: 02.91434403 – Mobile: 339.1068668

{/tab}

{tab Tutte le tappe}

BOLOGNA – 25 Marzo 2022

TORINO – 8 Aprile 2022

TREVISO – 13 Maggio 2022

BRESCIA – 8 Luglio 2022

ANCONA – 14 Ottobre 2022

BARI – 11 Novembre 2022

{/tab}

Partner
Considi    

Espositori

         

Content partner

Media partner

                     

Dettagli

Data:
venerdì, 8 Luglio 2022
Ora:
9:00/ 17:00
Prezzo:
€183.00

Luogo

Borgo Santa Giulia
Via Brescia, 3
Corte Franca, BS 25040 Italia
+ Google Maps