IL TEMA

Le misure di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro in azienda (servizi family friendly, lavoro agile, misure di flessibilità oraria) contribuiscono ad un miglioramento complessivo delle condizioni di lavoro ed accrescono la produttività generando valore per le Imprese e per le PersoneLa conciliazione vita-lavoro e il Welfare Aziendale sono due delle principali aree di intervento della contrattazione e delle policy di people management e sono sempre più trattate in maniera coordinata in quanto in grado di accrescere reciprocamente il valore delle iniziative.In questa evoluzione il Sindacato gioca un ruolo fondamentale, favorendo lo sviluppo di piani di Welfare Aziendale che mettono realmente al centro il benessere della Persona, superando i limiti di iniziative limitate all'erogazione di servizi e rimborsi non sempre calibrati sulle necessità dei lavoratori e delle loro famiglie. Dopo una prima analisi di contesto, i partecipanti saranno coinvolti in un momento di lavoro condiviso grazie alla presenza di un referente sindacale. Attraverso la lettura di recenti accordi sindacali, l’obiettivo sarà indagare, tra criticità e prospettive, il valore generato dall’introduzione della conciliazione vita-lavoro nel welfare contrattuale.

IL TARGET

Il Seminario si rivolge in particolare a Imprenditori, HR Manager, Direttori e Responsabili del Personale, Responsabili delle Relazioni Industriali, Welfare Manager e ai Consulenti del Lavoro.

 

I DOCENTI

Elena BarazzettaElena Barazzetta
Elena Barazzetta è ricercatrice all’interno del progetto “Percorsi di secondo welfare” del Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi per il quale sta attualmente collaborando alla stesura del Terzo Rapporto sul secondo welfare in Italia 2017. Nel suo lavoro di ricerca si occupa principalmente di welfare aziendale, smart working e conciliazione vita-lavoro. Sulle stesse tematiche affianca inoltre enti privati e pubblici attraverso attività di consulenza. In particolare, all’interno del Piano di Conciliazione Territoriale di ASL Milano 2015 – 2016, ha affiancato l’Agenzia per la Conciliazione dell’ASL nelle attività di coordinamento e gestione dei soggetti pubblici e privati aderenti alla Rete e nel 2017 ha supportato ATS Milano nella stesura del Piano Territoriale di Conciliazione 2017-2018. Nel 2016, per conto del Dipartimento Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha collaborato alla ricerca e valutazione delle Intese Conciliazione Vita-Lavoro siglate dal Dipartimento Pari Opportunità con le Regioni Italiane nelle biennalità 2010-2012 e 2013-2015.

Pubblicazioni con ESTE:
La legge sullo smart working: azienda e dipendenti sempre più protagonisti del benessere organizzativo, in F. Maino (a cura di), Welfare aziendale tra dimensione organizzativa e cura della persona, «I quaderni di Sviluppo&Organizzazione», n. 23.
Smart working per la conciliazione vita-lavoro. Una strategia win-win nell’evoluzione della cultura del lavoro flessibile, in F. Maino, G. Mallone (a cura di), Dall’azienda al territorio. Le PMI incontrano il welfare, «I quaderni di Sviluppo&Organizzazione», n. 21.

Roberto Benaglia

Roberto Benaglia
Roberto Benaglia, 55 anni, è sindacalista della Cisl confederale, coordinatore delle politiche contrattuali presso la confederazione, responsabile dell’osservatorio sulla contrattazione di secondo livello OCSEL. Proviene da una lunga esperienza di dirigente sindacale e contrattualista, prima nel sindacato dell’industria alimentare Fat Cisl nel quale ha ricoperto negli anni ’90 la carica di segretario nazionale, poi come segretario generale della Fim Cisl Lombardia (il sindacato dei metalmeccanici) nei primi anni 2000 e quindi tra il 2008 e il 2016 quale segretario regionale della Cisl Lombardia. In questo ultimo incarico ha particolarmente svolto, negli anni della aspra recessione mondiale, attività di contrattazione con le associazioni datoriali e di concertazione in ambito regionale in materia di politiche per il lavoro, gestione degli ammortizzatori sociali, sviluppo delle politiche attive per la ricollocazione dei lavoratori colpi da processi di crisi occupazionale, politiche della formazione continua in rapporto con i fondi interprofessionali e della formazione professionale.



CONTATTI

Andrea Negroni - Coordinamento e Booking
andrea.negroni@este.it - Tel. 02.91434414


Giovanni Scansani - Ideazione e Programmazione
giovanni.scansani@este.it - Tel. 02.91434418

APPROFONDISCI

 

  •  

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.