INTRODUZIONE

Smart working e produttività

‘Smart working’ è un concetto ormai diffuso anche se con l’aggettivo smart indichiamo tutto ciò che è stato investito da un processo di innovazione: smart fabric, smart organization, smart home, smart city e così via.

  • Quando etichettiamo il lavoro come smart?
  • Che forme è destinata a prendere l’organizzazione all’interno della quale le persone lavorano con questa modalità?
  • È sufficiente svincolare la prestazione dal luogo classicamente definito “di lavoro” per dire che lavoriamo smart?
  • Quali sono gli strumenti necessari?
  • Quali i percorsi formativi necessari a favorire il cambiamento?

È da qui che parte la nostra riflessione sull’evoluzione del modo di concepire il lavoro e, in particolare, individuare quelle caratteristiche dello smart working che hanno impatto sulla produttività.
Il concetto di ‘Bring your own device’ ha portato un cambio di paradigma: dove c’è un computer, o uno smartphone, lì c’è un posto di lavoro. La prestazione si svincola dal perimetro aziendale, la scrivania dell’ufficio non è più l’unico luogo garante della produttività. Il lavoro smart diventa un lavoro per obiettivi, che si può concretizzare quando il management imposta un modello di leadership basato sulla responsabilizzazione e non sul controllo.
Avviare un percorso di smart working significa impostare un processo di change management dove l’organizzazione rifonda con le proprie persone un patto basato sulla fiducia e dove anche lo spazio fisico gioca un ruolo importante: viene progettato e trasformato perché alimenti creatività, favorisca lo scambio di conoscenze, sia diffuso sul territorio e così consenta alle persone di ottimizzare tempi di lavoro e tempi di vita.
Attenzione però ad alcuni vincoli: smart working non significa lavorare ovunque, i luoghi di lavoro devono essere adeguati e garantire, ad esempio, la riservatezza delle informazioni e la tecnologia deve aiutare a garantire la sicurezza dei dati.

Lo smart working rappresenta, oggi, una vera e propria sfida organizzativa che mira anche (ma non solo) a ridurre assenteismo, richieste di ferie e permessi grazie a un maggiore engagement delle risorse e di conseguenza a un miglioramento dell’efficienza complessiva.

La posta in gioco è una gestione più matura delle relazioni tra l’azienda e le proprie persone, con un’importante impatto sul produttività e sulla competitività.

LA LOCATION

be © meet Cassina Plaza | l’Auditorium si trova presso l’edificio centrale “The Pecchi” a piano -1
Via Roma, 108
20060 - Cassina de Pecchi (MI)

be© meet si trova a soli 5 minuti dalla fermata Cassina de Pecchi della Linea Metropolitana MM2 (verde).

E’ previsto un servizio navetta gratuito.

La location è dotata di ampio parcheggio auto gratuito.

Scopri come raggiungerciScopri come raggiungerci

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE e TARGET

L’evento è riservato a imprenditori e manager responsabili risorse umane, formazione, organizzazione, marketing di aziende di media e grande dimensione.

La partecipazione è gratuita previa iscrizione al sito www.este.it 

La segreteria organizzativa si riserva il diritto di convalidare le richieste di iscrizione ricevute.

CONTATTI

Per qualsiasi informazione: Andrea Negroni – Account Eventi – andrea.negroni@este.it - Tel: 02.91434400 - Diretto: 02.91434414 - Fax: 02.91434424

 

SCOPRI DI PIÙ

 

 

  •  

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.