Libri

La produzione editoriale di ESTE si completa con la pubblicazione di libri e manuali.
Il catalogo comprende volumi che affrontano temi legati al mondo manageriale e manuali dedicati ad approfondimenti specifici.

La collana LIBRI ESTE dà voce ad autori che trovano in questo spazio la possibilità di veicolare i loro contenuti a un pubblico tradizionalmente interessato alle tematiche vicine alla managerialità e alla crescita professionale.

I MANUALI, curati da esponenti dei comitati scientifici delle tre riviste, sono guide teoriche e strumenti pratici di lavoro su temi coerenti con
la linea editoriale di Sistemi&Impresa, Sviluppo&Organizzazione e Persone&Conoscenze.

DREAM COMPANY

DREAM COMPANY

20.00€

a cura di Tiziano Botteri

Un nuovo engagement tra idealismo e pragmatismo

 

SCARICA UN ESTRATTO DEL LIBRO

Il libro

Le dream company – aziende ideali dove persone, strutture, processi sono ingranaggi di un meccanismo tendente all’equilibrio armonico – esistono e poggiano su tre elementi: thinking, action, social. Dove il thinking rappresenta la libertà di pensiero e di costruzione creativa, l’action raffigura la tangibilità delle cose fatte e da fare, il social ha a che vedere con la ricchezza relazionale.
Ma affinché queste condizioni si realizzino, occorre primariamente ripensare gli stili di management. In questo senso, la formazione è di certo un’importante leva. Oltre ad approfondire aspetti relativi a skill classiche – tradurre la strategia in execution, promuovere l’innovazione, costruire relazioni strategiche, ispirare e generare fiducia, investire sul potenziale, saper comunicare correttamente la visione e la direzione –, la formazione ha il compito di favorire nuove forme di engagement.
Un engagement affettivo, nutrito di rapporti, sostegni, implicazioni emotive; uno normativo, basato su norme, valori e accettazione responsabile delle proprie azioni e dell’applicazione delle conoscenze e capacità; uno, infine, detto “della continuità”, intesa come ricerca e possibilità di progettualità futura.
Il principio dell’happy work, parente stretto del benessere lavorativo e del legame che esso ha con una performance positiva, non è da considerarsi una fantasia; può essere coltivato con strumenti organizzativi classici e rinforzato con una formazione consapevole.

 

 

 

 

 

  •  

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Per avere maggiori informazioni riguardo ai cookie consulta la nostra Cookie Policy.